Guida alla scelta del monitor 2017

Dopo aver analizzato insieme alcune configurazioni di computer, andremo a scoprire quali sono i monitor di acquistare in base al proprio budget. Scopriremo le differenze tra i vari display e cosa scegliere in base alle vostre esigenze.

C’è davvero differenza tra i monitor?

Per molti non esiste differenza tra i vari monitor presenti sul mercato, se non per i pollici, ossia la dimensione del pannello. In realtà, attraverso questa guida, andremo a scoprire che non è così. Ogni monitor ha le sue caratteristiche, ed è bene sceglierlo in base alle proprie esigenze, che cambiano da utente ad utente. Analizziamo insieme le differenze più rilevanti.

Le differenze tra i pannelli

Una delle differenze più importanti è quella del pannello utilizzato. Esistono principalmente due tipi di pannelli:

  • LCD IPS: Questo tipo di pannello è famoso per la sua grande resa cromatica. Inoltre ha degli angoli di visione davvero buoni. Di contro però, spesso non è adatto al gaming a causa del suo basso tempo di risposta (vedremo in seguito cos’è).
  • LCD TN: Questo tipo di pannello è invece il più utilizzato in ambito gaming. Questo perché ha un bassissimo tempo di risposta, e questo si traduce in immagini e nessun effetto ghosting (anche questo lo vedremo in seguito). Di contro però la qualità cromatica non è paragonabile a quella di un IPS.

Il refresh rate

Un altro aspetto da prendere in considerazione, soprattutto in ambito gaming, è il refresh rate. Questo valore in dica il numero dei fotogrammi riproducibile dal display in un solo secondo. Più questo valore risulterà alto e maggiore sarà la fluidita dell’immagine a schermo. I monitor più economici partono da 60hz. E’ una valore base, ma in ambito gaming avere un refresh rate più alto può solamente giovare.

Il rapporto di contrasto

Questo valore influisce principalmente sulla qualità visiva. Si riferisce al rapporto di intensità tra il bianco più chiaro e il bianco più scuro. Maggiore sarà questo valore e più nitida risulterà l’immagine, oltre ad una maggior capacità di riprodurre il chiaro/scuro. Esistono però due tipi di contrasti:

  • Statico: Il rapporto più affidabile. Questo tipo di contrasto resta tale ed è di tipo “hardware”. Questo produce una resa cromatica migliore.
  • Dinamico: Il rapporto meno affidabile. Spesso si tratta di un lavoro svolto da un’elaborazione software. Questo spiega perchè molti monitor/tv hanno dei contrasti molto più alti rispetto a quello dei concorrenti. Spesso si tratta di contrasto dinamico, gestito tramite software. Questo ovviamente influisce sulla resa cromatica.

La risoluzione

Molti di voi resteranno stupidi dal sapere che non esiste solo il FullHD. Infatti, negli ultimi anni, sono stati prodotti monitor che offrono risoluzioni maggiori rispetto a quello che fino ad ora è lo standard, ossia 1920×1080. La risoluzione indica il numero dei pixel visualizzati allo schermo. E’ ovvio che una maggiore risoluzione indica una maggiore definizione dell’immagine. Bisogna però considerare che scegliere una risoluzione al FullHD richiede un monitor più grande per poter notare la differenza, altrimenti sarebbe solo un danno alla vista (e uno spreco di soldi).

  • FullHD: 1920X1080. La risoluzione ormai divenuta standard, ed è quella più adatta alla maggioranza degli utenti. Per questo tipo di monitor si consiglia di andare dai 22 ai 27 pollici circa.
  • Quad HD (o 2K): 2560×1440.
  • 4K o Ultra HD: 4096×2160.

Il tempo di risposta

Parliamo adesso del tempo di risposta. Questo valore indica la capacità di un pixel nel cambiare colore, ed è espresso in millisecondi. Questo valore è molto importante per chi cerca un monitor da gaming, poiché un tempo di risposta troppo alto può creare una sovrapposizione di pixel, generando quello che viene definito effetto ghosting. Questo significa che in fasi “frenetiche” di un gioco si rischia che l’immagine possa sfocarsi, poiché il tempo di risposta è troppo alto.

Per il gaming non consiglio di andare oltre i 5ms, poichè l’effetto ghosting inizierà a farsi sentire. Inoltre nelle caratteristiche tecniche dei monitor potremmo trovare due tipi di tempi di risposta:

  • TrTf (Time to rise – Time fall): Il tempo che impiega il monitor a passare dal bianco al nero. E’ un valore standard di ogni produttore.
  • Gtg (Gray to gray): Com’è facilmente intuibile dal nome, questo valore indica la capacità di passare da una tonalità di grigio ad un’altra. Questo valore è più lento del TrTf, quindi avrà un valore spesso più alto.

La tecnologia utilizzata

Un’altra importante caratteristica da tenere a mente se si intende giocare, è quella della tecnologia utilizzata. Abbiamo due possibilità, che influiranno nella vostra scelta in base alla scheda video in vostro possesso.

Nvidia G-Sync

Questa tecnologia comporta una sincronizzazione della frequenza di aggiornamento tra il monitor e la GPU, diminuendo al massimo l’input lag e generando grande fluidità e qualità dell’immagine.

Guida alla scelta del monitor 2017

E’ sicuramente un fattore importante da considerare se si intende giocare con una scheda video Nvidia.

AMD FreeSync

Guida alla scelta del monitor 2017

Questa tecnologia rappresenta la risposta al G-Sync di Nvidia. La principale differenza tra le due sta nel fatto che quella di AMD è più economica, pertanto è più semplice trovarla nei monitor economici, ed è open. Significa che chiunque, Nvidia compresa, potrebbe adottarla.

Monitor 2017: La lista

Bene, siamo arrivati al momento più importante. Fatte le dovute promesse, vediamo i monitor migliori in base alla fascia di prezzo e in base alle caratteristiche.

Fascia economica: 100-200 euro

22 Pollici

HP es 22 Pollici

Guida alla scelta del monitor 2017

Questo monitor è un ottimo IPS da 22 pollici. Offre un’ottima fedeltà cromatica e un rapporto qualità prezzo sicuramente alto. Lo sconsiglio però per il gaming, poiché ha un tempo di risposta di 8MS, decisamente sottotono.

Benq GW2270H

Guida alla scelta del monitor 2017

Questo monitor monta un pannello TN e offre delle ottime caratteristiche per il suo prezzo. Uno dei modelli di BenQ dal maggiore successo. Nonostante il pannello TN, offre una discreta qualità cromatica se regolato correttamente.

24 pollici TN

Hp 24o

Guida alla scelta del monitor 2017

Questo monitor è una delle soluzioni più economiche per il gaming da 24 pollici. Monta un pannello TN ed è sicuramente consigliato per il rapporto qualità prezzo.  La resa cromatica è interessante, anche se esistono delle alternative migliori.

Benq GW2470H

Guida alla scelta del monitor 2017

Questo monitor è uno dei più utilizzati in ambito gaming. Questo per via delle sue ottime caratteristiche, della sua buona resa cromatica e delle sue feature comode per i videogiocatori.

Asus VX239H 

Guida alla scelta del monitor 2017

Un altro ottimo monitor. Questo Asus monta un pannello TN e offre delle ottime feature in ambito gaming. Da segnalare il tempo di risposta da 1ms.

24 pollici IPS

HP 24es

Guida alla scelta del monitor 2017

Questo monitor è uno degli IPS più apprezzati. Non è adatto al gaming ma è sicuramente da prendere in considerazione per la grafica e l’editing. Inoltre lo considero uno dei più belli esteticamente presenti sul mercato.

Asus VC239H

Guida alla scelta del monitor 2017

Questo monitor penso che sia uno dei migliori presenti sul mercato. E’ il monitor migliore secondo me per il multiuso. Offre un tempo di risposta di 5ms, ma grazie alle sue enormi feature non è presente nessun effetto ghosting. Il tutto unito alla sua ottima qualità cromatica, che lo rende uno dei migliori nella fascia dei 24 pollici. Ottime le funzioni di risparmio energetico e di riduzione del blu per non affaticare la vista.

LG 25UM58

Questo monitor è molto particolare. E’ il 21:9 più economico. Questo monitor è sicuramente interessante per chi cerca buona qualità visiva e un display migliore dal punto di vista del rapporto d’aspetto per editing e grafica.

Guida alla scelta del monitor 2017

Fascia media: 200-300 euro

Asus VX279H

Guida alla scelta del monitor 2017

In questa fascia di prezzo per la scelta di un IPS consiglio senza dubbio questo. E’ un ottimo IPS, inoltre ha diverse feature per migliorare le prestazioni in ambito gaming. Anche questo come “ibrido” è da considerare.

AOC G2460PF

Guida alla scelta del monitor 2017Questo prodotto è un must per il gaming. Monta un pannello TN da 144HZ. Alta è la qualità per il gaming. Questo monitor offre prestazioni fantastiche e una buona resa cromatica. Inoltre, se siete possessori di scheda video AMD in grado di supportarlo, potrete usufruire del FreeSync. Assolutamente da acquistare in ambito gaming.

Fascia alta: 300-500 euro

LG 34UB67

Guida alla scelta del monitor 2017

Questo è sicuramente il monitor migliore per grafica ed editing. E’ un 21:9 IPS, questo assicura un’ottima resa cromatica e la forma del monitor aiuta in ambito lavorativo. Inoltre il suo tempo di risposta (5ms) non troppo alto lo rende discreto anche in gaming.

AOC G2460PG

Questo è un monitor straordinario per le sue caratteristiche. E’ un pannello TN da 144HZ Full HD. Supporta Nvidia G-Sync e ha un tempo di risposta di 1MS. Sicuramente un’ottima scelta per chi intende giocare come si deve con la propria vga nvidia.

Guida alla scelta del monitor 2017

Conclusioni

Spero che questa guida vi sia piaciuta. La guida verrà costantemente aggiornata con l’uscita dei nuovi prodotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *